Presentazione del Delegato all’Alta Formazione Superiore

L’Unione Europea ha posto tra i suoi obiettivi primari lo sviluppo della società della conoscenza, che si consegue non solo attraverso i tradizionali corsi di laurea e di laurea magistrale, ma anche attraverso corsi universitari finalizzati all’apprendimento lungo l’intero arco della vita (Life Long Learning). Questi corsi post-lauream stanno acquisendo una crescente importanza grazie alla loro flessibilità che ben si coniuga con le esigenze di cambiamento di una moderna società in rapida evoluzione. Il settore della formazione superiore deve infatti poter rispondere con tempestività alle diverse richieste della società con strumenti flessibili quali i Master universitari e i Corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale, alla cui progettazione ed organizzazione può e deve contribuire il mondo del lavoro, dell’economia, delle professioni e della pubblica amministrazione.

La rapidità dei cambiamenti in atto nella moderna società richiede corsi di laurea e laurea magistrale tradizionali e consolidati con il compito di fornire solide conoscenze di base, approcci metodologici, strumenti cognitivi e metodologie di apprendimento tali da permettere al laureato l’aggiornamento di conoscenze e competenze anche negli anni successivi alla laurea.

I corsi finalizzati all’apprendimento permanente hanno invece il compito di integrare, completare ed aggiornare la formazione superiore per orientarla maggiormente verso il mondo del lavoro. Questi corsi debbono rispondere a due esigenze fondamentali:

  • la necessità di fornire specifiche competenze professionali, che i corsi di laurea tradizionali non sono in grado di offrire, per un rapido ed efficace inserimento nel mondo del lavoro,
  • la necessità di aggiornare continuamente le competenze per venire incontro alla continua evoluzione delle conoscenze, della tecnologia, degli strumenti di lavoro e delle nuove metodologie di indagine ed esecuzione.

L’Ateneo di Camerino punta con decisione a sviluppare e migliorare i corsi finalizzati all’apprendimento permanente attraverso il conseguimento dei seguenti obiettivi:

  • sviluppare una offerta formativa di Ateneo avente una crescente corrispondenza con le richieste del territorio e delle associazione di categoria pubbliche e private,
  • puntare al progressivo miglioramento qualitativo dell’offerta formativa attraverso una sistematica verifica della qualità e dell’efficacia in termini di impiego post-corso,
  • sviluppare l’internazionalizzazione dell’offerta formativa in modo da incrementare progressivamente l’attrattività dei corsi e le potenzialità di impiego post-corso anche al di fuori dei confini nazionali.

I corsi finalizzati all’apprendimento permanente sono attività formative che le leggi dello stato permettono di organizzare con un elevato grado di autonomia. A tale autonomia deve però corrispondere, da parte degli Atenei, un altrettanto elevato grado di responsabilità nel disciplinarli con propri regolamenti didattici, che debbono coniugare una flessibilità organizzativa ad una rigorosità che garantisca la qualità del processo formativo.

In termini più semplici, è l’Università stessa che si rende garante della qualità della propria offerta formativa post-lauream, attraverso una progettazione rigorosa dei corsi finalizzati all’apprendimento permanente, che renda espliciti gli obiettivi formativi e gli sbocchi occupazionali, fornisca informazioni chiare e complete, tali da permettere allo studente di operare scelte motivate e consapevoli, ed offra garanzia di affidabilità e corrispondenza tra offerta e realtà formativa. Già da qualche anno accademico l’Università di Camerino ha avviato, anche per i suoi corsi finalizzati all’apprendimento permanente, un processo di indagine e valutazione sistematica del grado di soddisfazione dello studente, analogamente a quanto già avviene per i corsi di laurea e laurea magistrale, in modo da poter migliorare l’offerta formativa intervenendo tempestivamente sulle criticità rilevate. Il prossimo obiettivo sarà quello di valutare anche gli esiti occupazionali ad un anno dal conseguimento del titolo (Master, Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale), in modo da poter comparare i risultati ottenuti con quelli di analoghi Master e Corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale offerti in altri Atenei.

Un particolare ringraziamento va rivolto al personale tecnico-amministrativo che con notevole impegno si dedica alla promozione, alla visibilità, al corretto funzionamento e al miglioramento organizzativo della formazione post-lauream, supplendo con dedizione ed entusiasmo alla carenza di personale resa particolarmente acuta dai recenti provvedimenti legislativi di contenimento della spesa pubblica che impongono gravosi tagli ai bilanci delle università.

Prof. Fabio Marchetti
Delegato del Rettore all’Alta Formazione Superiore